top of page
  • Immagine del redattore4RCH

La DOMOTICA, una casa connessa.

Aggiornamento: 16 giu 2023


Con il termine domotica, si intende l'applicazione dell'informatica all'elettronica per il controllo in remoto di tutte le attività di una abitazione, volti principalmente a garantire un miglior confort all'utente.


Oggi giorno siamo circondati da diversi dispositivi elettronici con i quali interagiamo: illuminazione, device di intrattenimento, sistemi di climatizzazione e di videosorveglianza .


Quando questi sistemi interagiscono fra di loro attraverso il controllo dell'utente si dà luogo ad una CASA DOMOTICA.


Quali sono i principali vantaggi?


Confort


Poter accendere o spengere la tv, regolare la temperatura della climatizzazione o rispondere al citofono, e farlo seduti comodamente sul divano dal vostro smartphone.


Sicurezza

Poter gestire tutte le chiusure esterne a distanza (tapparelle-persiane-infissi),ed essere avvisati in caso di perdite di gas o un tentativo di effrazione.


Risparmio energetico

Poter gestire e controllare i consumi domestici.


Come rendere la casa domotica?

Rendere la vostra casa domotica può essere tanto semplice quanto complesso.

Diciamo che esiste una connessione della casa standard che può essere effettuata a livello residenziale, ed un altra superiore volta agli edifici nel loro complesso.


Andremo ad approfondire in modo particolare, la domotica residenziale, la quale a sua volte può riguardare sia l'ex novo che gli impianti già realizzati.

Ad oggi infatti, sono diverse le aziende che forniscono senza modificare l'impostazione del vostro impianto , la possibilità di tramutare prese o interruttori, piuttosto che videocitofoni o serrature , modificandoli da standard a connesse.

Basti pensare ad esempio ai sistemi a marchio Bticino o Gewiss.


Il sistema parte da un dispositivo centrale detto GATEWEY, il quale fa da “hub” di convogliamento di tutti i dispositivi ( ad esempio elettrodomestici o impiantistici) presenti all'interno di casa. Inoltre, attraverso un app dedicata (spesso fornita dal produttore), gestirà tramite device o vocalmente le varie connessioni. I vari Google home, Alexa, Android etc., permetteranno il riconoscimento vocale dei comandi impostati.


In sintesi i principali comandi oltre alla gestione dei singoli elettrodomenstici, potranno riguardare:

- Gestione delle temperature, mediante termostato connesso (con un conseguente risparmio energetico)

- Gestione dell'illuminazione ,mediante interruttori connessi,

- Gestione di scenari d'ingresso e di uscita dall'appartamento, tramite i quali impostare una serie di operazioni, che avverranno simultaneamente.

Ad esempio all'uscita dall'abitazione, si potrà decidere di settare in automatico, la chiusura di tutte le tapparelle e lo spegnimento di tutte le luci oltre ad uno stato di quiescenza dell'impianto di riscaldamento o climatizzazione.

Viceversa, all'ingresso nell'appartamento, il sistema potrà provvedere l'apertura delle tapparelle o e l'accensione di una serie di luci.


Quanto incide da un punto di vista economico la domotica?


I costi ,ovviamente, sono diversi da un impianto tradizionale, e l'incidenza dipende molto da “quanto” domotica si voglia rendere la casa.

Mediamente i costi variano dal 10 al 20% in più rispetto ad un impianto tradizionale, ma i ritorni in termini economici e di confort ripagano sicuramente l'investimento iniziale.





9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page