top of page
  • Immagine del redattore4RCH

Come progettare il bagno

Tutti i consigli dell'Architetto

su come progettare il bagno

Bagno in gres calacatta gold ed amazzonite.

Progettare un bagno può essere un'impresa complessa, ma anche molto gratificante.

Ci sono molti fattori da considerare, come :

  • le dimensioni;

  • il numero di persone che lo utilizzeranno;

  • il budget

  • il proprio stile di vita.

E' un'impresa che richiede attenzione a molti dettagli, sia funzionali che estetici.


Ecco una guida passo dopo passo per aiutarti a progettare il bagno dei tuoi sogni:


Normative di riferimento

La progettazione di un bagno deve rispettare una serie di normative, che variano in base al tipo di edificio e alla destinazione d'uso.

In generale, la principale norma di riferimento per progettare un bagno è:

  • Decreto Ministeriale n. 5 luglio 1975, che stabilisce i requisiti igienico-sanitari minimi per gli edifici di civile abitazione.

Nello specifico la normativa sopra citata, consente di progettare bagni che abbiano un'altezza minima di 2,40 metri.

Tale misura viene calcolata dal piano calpestabile al soffitto della stessa stanza. Il limite minimo di 2,70 metri vale invece per tutte le altre stanze domestiche.

Inoltre definisce:

  1. Distanze minime tra i sanitari: tra il WC e il bidet deve essere prevista una distanza minima di 20 cm, tra il WC e il lavabo di 25 cm, e tra il bidet e il lavabo di 50 cm.

  2. Disposizioni per i disabili: i bagni per disabili devono essere progettati in modo da garantire l'accessibilità e la fruibilità a persone con disabilità motoria. In particolare, il bagno deve avere una superficie minima di 4,5 mq, di cui almeno 1,5 mq devono essere riservati al bacino del WC. Il WC deve essere posto a una distanza di almeno 70 cm dal lato più corto del locale, deve essere provvisto di maniglioni di sostegno e di un sedile rialzato. La doccia deve essere dotata di uno sportello apribile verso l'esterno, di una cabina di dimensioni minime di 1,25 x 1,25 m, e di un piatto doccia con profondità di almeno 45 cm.

Tipologie di bagno

Le tipologie di bagni possono essere classificate in base a diversi criteri, tra cui:

  • Dimensioni: i bagni possono essere piccoli, medi o grandi.

  • Elementi presenti: i bagni possono essere dotati di WC, bidet, lavabo, doccia, vasca da bagno, bidet, sauna, bagno turco, ecc.

  • Stile: i bagni possono essere arredati in diversi stili, come classico, moderno, industriale, ecc.

  • Funzionalità: i bagni possono essere realizzati per soddisfare esigenze specifiche, come ad esempio il bagno per disabili o il bagno per anziani.

L'insieme di queste caratteristiche daranno luogo a 4 tipologie di bagni:

Bagno degli ospiti

Doccia con fibra di vetro come rivestimento
Bagno degli ospiti

Bagno la cui funzione è principalmente di rappresentanza, viene collocato di solito adiacente al salone di casa.

Usato per un rapido ristoro, deve essere caratterizzato da un progetto d'impatto.

Sentitevi liberi di esprimere tutto il vostro carattere, scegliendo sanitari ed arredi dal particolare design.

Gli elementi minimi che lo caratterizzano sono i sanitari e l'area lavabo, alla quale va dedicata la maggiore attenzione.

Andrebbe evitato di collocare in quest'ambiente anche la funzione di lavanderia, se non ben integrata e schermata.


Bagno di servizio o lavanderia

Bagno di servizio in mattoni blue jeans con lavabo a sospensione
Bagno di servizio

Usato di solito come secondo bagno, può anche fungere da lavanderia.

Qui prima dell'aspetto estetico, andrebbe prestato attenzione a quello funzionale.

Prevedere infatti le giuste distanze tra l'area dei servizi igienici e quella del lavaggio è indispensabile, e di questo ne parleremo dopo!















Bagno padronale

Bagno principale, si trova di norma nella zona notte a servizio delle camere da letto.

È il luogo più intimo e privato della casa e rispecchia lo stile di vita dei suoi abitanti, dove rilassarsi e dedicarsi a se stessi.

È utile prevedere nella progettazione del bagno padronale un grande piano per uno o meglio due lavandini dove poter poggiare i prodotti per l’igiene e cosmesi.

Prevedere inoltre mobili contenitori dove riporre asciugamani, prodotti per il corpo e tutto quanto non si vuole lasciare a vista. Oltre alla doccia è possibile inserire la vasca, tradizionale o idromassaggio scegliendo tra i tanti modelli offerti dal mercato.

bagno padronale con doppio lavabo e vasca da bagno
Bagno padronale

Bagno lavanderia

La lavanderia intesa come area lavaggio in cui gli elementi minimi sono la lavatrice ed un lavabo ,è indispensabile in ogni casa.

I più fortunati, vuoi per spazio in abbondanza, vuoi perché un bravo tecnico li ha consigliati, riusciranno a rendere autonoma questa funzione.

Come detto potrà essere costituita da:

  • Area elettrodomestici con lavatrice es asciugatrice;

  • Area lavatoio

  • Area stoccaggio detersivi e vari

Mobile lavanderia con lavatrice, asciugatrice, lavabo
Mobile lavanderia
Mobile lavanderia con modulo lavabo aperto
Mobile lavanderia, modulo lavabo













Misure da rispettare nel progetto del bagno

Per quanto riguarda la superficie minima, non esiste una norma nazionale che la preveda. Tuttavia, i regolamenti edilizi comunali possono imporre delle limitazioni.

In generale, si può considerare una superficie minima di 4 mq per un bagno con vasca e 3 mq per un bagno con doccia. Tenendo conto inoltre delle sopracitate normative di riferimento, altre indicazioni ci sono date dai manuali di progettazione e nel nostro caso dall'esperienza.

Questa ci porta a dire che nella progettazione e realizzazione di un bagno, piccolo o grande che sia, non si può transigere dal rispettare quelle che sono le misure minime.


Ecco le 10 misure minime di cui il tuo bagno non può fare a meno :

  1. I sanitari (gabinetto e bidet) devono essere distanziati almeno 20-25cm;

  2. Il gabinetto deve distare almeno 40 cm dalla parete;

  3. Il bidet deve distare almeno 20 cm;

  4. Deve essere garantito davanti ai sanitari almeno 60 cm di passaggio;

  5. Tra la doccia e gli altri elementi ci devono essere almeno 70 cm ;

  6. I sanitari "comodi " hanno di norma una larghezza di 40 ed una profondità di 55 , ma se ne trovano in commercio anche di più compatti;

  7. Il lavabo ha una larghezza variabile, dai 30 cm in poi, ed una profondità massima di 55cm, atta a garantirne il miglior utilizzo;

  8. I box doccia hanno una dimensione minima di 70x70cm

  9. La vasca da bagno standard ha misure minime in larghezza minima di 75cm e lunghezza 170cm. Misure inferiori rappresentano grandi forzature!

  10. Le dimensioni minime di un bagno sono 1.5x3m, e comunque non inferiore a 3mq

Area e luce in bagno

L'aereazione come l'illuminazione sono due fattori fondamentali per il buon successo di un bagno.

Entrambi possono essere sia naturali che forzate, ed insieme scopriremo come.


Areare il bagno

L'aereazione in bagno è importante per diversi motivi, tra cui:

  • Ridurre l'umidità: L'uso di acqua nel bagno crea umidità, che può portare alla formazione di muffe e funghi. Un'adeguata aerazione aiuta a rimuovere l'umidità dall'aria e prevenire la formazione di muffe.

  • Migliorare la qualità dell'aria: L'umidità può anche portare a un'aria viziata e insalubre. Un'adeguata aerazione aiuta a migliorare la qualità dell'aria e rendere il bagno più confortevole.

  • Evitare la condensa: La condensa può formarsi sulle superfici fredde, come i vetri delle finestre o i sanitari. Un'adeguata aerazione aiuta a prevenire la formazione di condensa e i danni che può causare.

Come arieggiare il bagno

Esistono diversi modi per arieggiare il bagno, tra cui:

  • Finestre: Le finestre sono il modo più semplice e naturale per arieggiare il bagno. Se il bagno ha una finestra, è importante aprirla regolarmente per far circolare l'aria.

  • Aeratori: Gli aeratori sono dispositivi che vengono installati sulle finestre o sulle pareti del bagno per consentire il passaggio dell'aria. Gli aeratori sono un buon modo per arieggiare il bagno anche quando le finestre sono chiuse.

  • Ventilazione meccanica: La ventilazione meccanica è un sistema che aspira l'aria umida dal bagno e la sostituisce con aria fresca dall'esterno. La ventilazione meccanica è una buona soluzione per i bagni senza finestre o per i bagni in cui l'aerazione naturale non è sufficiente.

Illuminare il bagno


applique su mobile lavabo e specchio

Il tipo di luce è un altro fattore importante da considerare ( leggi anche "Progettare l'illuminazione di casa") .

La luce naturale è sempre la migliore soluzione, ma non sempre è possibile. Se il bagno non ha finestre, è necessario utilizzare la luce artificiale.

Esistono diversi tipi di luce artificiale che possono essere utilizzati nel bagno, tra cui:

  • Luce a soffitto: Questa è la fonte di luce principale del bagno. Può essere fornita da una plafoniera, da un lampadario o da faretti da incasso.

  • Luce da specchio: Questa è la luce che viene utilizzata per illuminare il viso. È importante che questa luce sia uniforme e senza ombre.

  • Luce da doccia o vasca da bagno: Questa è la luce che viene utilizzata per illuminare l'area della doccia o della vasca da bagno. È importante che questa luce sia resistente all'acqua e agli spruzzi.

Consigli per l'illuminazione del bagno

Ecco alcuni consigli per l'illuminazione del bagno:

  • Utilizzare una combinazione di fonti di luce per creare un'illuminazione uniforme.

  • Posizionare la luce a soffitto in modo da illuminare l'intera stanza.

  • Posizionare la luce da specchio in modo da illuminare il viso da entrambi i lati.

  • Posizionare la luce in doccia o vasca da bagno in modo da illuminare l'area in modo uniforme.

L'impianto elettrico del bagno

L'impianto elettrico del bagno è un impianto a rischio, in quanto è esposto all'acqua e all'umidità. Per questo motivo, è necessario rispettare le norme di sicurezza previste dalla normativa CEI 64-8.

La normativa CEI 64-8 suddivide il bagno in tre zone di rischio:

  • Zona 0: è la zona più interna, che comprende la vasca da bagno o la doccia.

  • Zona 1: è la zona adiacente alla zona 0, che comprende il pavimento e le pareti a una distanza di 60 cm dalla linea di confine della zona 0.

  • Zona 2: è la zona esterna alla zona 1, che comprende il resto del bagno.

stabilisce tra l'altro :

  • le prestazioni minime riguardo all’impianto elettrico domestico;

  • l’installazione di un numero minimo di punti presa per l’energia separati;

  • l'installazione di un numero minimo di punti luce in funzione del tipo del locale, della dimensione e del livello prestazionale dell’impianto.

Il numero minimo di prese è identificato in due, uno corrispondente allo specchio e uno per la lavatrice.

I punti luce dovranno essere anch'essi due, e dovranno essere comandati almeno da un interruttore posto in prossimità della porta d'ingresso (interno o esterno ad esso).

Arredare il bagno

Materiali e colori

Arredare un bagno significa rispondere in maniera esaustiva ai vari capitoli trattati finora.

Infatti una volta che si ha ben chiaro che tipo di bagno dovrà essere, e risolte le problematiche funzionali, di fruibilità, confort e funzionalità, si potrà passare alla personalizzazione estetica.

Oggi si fa molta difficoltà a parlare di stile!

I discorso è molto soggettivo, ma di certo i materiali per arrivare al giusto risultato sono molteplici.

I principali materiali usati in bagno possono essere:

  • Gres porcellanato

  • Vetro

  • Legno nautico

  • Pietra

Questi potranno essere usati sia come rivestimenti che come arredi o complenti.

Molto lo fà il budget a disposizione, che farà da setaccio fra i vari materiali.

I principali colori di un bagno sono:

  • Bianco: Il bianco è il colore più comune per le pareti del bagno. È un colore neutro che riflette la luce, creando un'atmosfera luminosa e spaziosa.

  • Grigio: Il grigio è un colore neutro che può essere utilizzato per creare un'atmosfera elegante e moderna.

  • Blu: Il blu è un colore rilassante che può essere utilizzato per creare un'atmosfera zen o marina.

  • Verde: Il verde è un colore naturale che può essere utilizzato per creare un'atmosfera rinfrescante.

  • Marrone: Il marrone è un colore caldo che può essere utilizzato per creare un'atmosfera accogliente.

La scelta del colore per le pareti del bagno dipende da diversi fattori:

bagno azzurro
Casa Mediterranea,Bagno

lo stile, le dimensioni e le esigenze della stanza. In generale, i colori chiari sono preferibili per i bagni piccoli, in quanto creano l'illusione di spazio. I colori scuri possono essere utilizzati per creare un'atmosfera più intima o drammatica. E' importante utilizzare una buona illuminazione per evitare che la stanza sembri troppo opprimente.








19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page